rime

 

 

 

 

 

QUESTIONE DI LOGICA EMPATICA

di Arshad Moscogiuri, 10 luglio 2013

 

S'io fossi innocente, Tribunale,
sarei così lieto che il processo          
invece che dopo fosse adesso,
e dimostrar quanto ragion mia vale.

S'io fossi giudice, non conta quale,
eviterei che sia ancor concesso
veder prescritto l'imputato stesso,
per dir se fu bene oppure male.

S'io fossi gente, come sono e fui,
basta allor questo ragionamento
per aver chiaro, in un sol momento,
qual candida coscienza abbia Costui!

C'irriterebbero, lo si ammetta,
grottesche inalberate di Bonsai
che minacciassero di pene e guai
Giustizia che osi esser corretta.

 

Sonetto, endecasillabo, su gentile licenza non concessa da Cecco Angiolieri. Chiaramente riferito alle vicende giudiziare del Cavaliere e alle dichiarazioni anti-magistratura rilasciate da suoi colleghi di partito. Tra questi, l'innominato Bonsai, allusivamente suggerito dalla rima mancata.


 

SORA MAESTRA E LA COSTITUZZIONE

di Arshad Moscogiuri, 25 aprile 2013


Da li tempi de quann’ero pischelletto,
che tutto era mono e bianchennero,
a scola cor fiocco e'r grembiuletto
ce diceveno de credece davero.

“L’Itaja, è come si fosse ‘na classe”
spiegava la maestra de la nazzione
pe’ ffà modo che ognuno la capisse,
che fosse chiara a tutti la lezzione.

“Si quarcuno s’arubbasse li gessetti
restamo tutti senza potè scrive.
Er bene comune è cosa de tutti,
è solo così che l’omo sopravive.”

‘A voce je se fece emozzionata
mentre diceva che “… è pe’ ‘sto motivo
che tanta ggente è morta ammazzata
ma er foco de giustizzia resta vivo!”

Sotto er fascio, cor padre partiggiano,
come tanti de quella generazzione
crescette senza er pane tra le mano
pe’ sperà dopo ne la Costituzzione.

Pòra maestra, io je volevo bbene,
e si ce penzo je ne vojo pure mò;
me parlò de Sparta, Troia e Atene,
ce inzegnò cose che mai me scorderò.

Si nun fosse da anni ‘n Paradiso,
chi ce lo sa si c'avrei er coraggio
de dije che oggi, a esse conciso,
semo aritornati ar brigantaggio!

 

Sonetto romanesco estremo, dodecasillabo a sette quartine con rima alterna. A Silvia (Cutelli), una dei Maestri della mia vita.



MORTE DE JANNACCI E CALIFANO

di Arshad Moscogiuri, 31 marzo 2013

 

Paese senza regno né governo,
alla fine de 'sto lungo 'nverno
ha perzo ‘n principe a Milano
più ‘n califfo, oramai romano.

Dev'esse che la vita de l'artista
dura meno de chi te la rattrista;
così Andreotti e Berlusconi
ancora ce stanno tra li cojoni.

Si Iddio ce facesse fa' baratto
je ne dessimo puro n'artri otto,
de griggi politici arivisti,
in cambio de 'sto par de musicisti.

 

 

 

Sonetto romanesco anomalo, endecasillabo a sei rime baciate, scritto in occasione della scomparsa, a poche ore di distanza l'uno dall'altro, di Enzo Jannacci e Franco Califano.